La scuola dell’infanzia di Teor intitolata a Mafalda di Savoia

Famiglie, Infanzia Teor – 26 giugno 2019

Il 21 giugno 2019 resterà nella memoria perché c’è stata l’intitolazione della nostra scuola alla “Principessa Mafalda di Savoia”. Oltre alla presenza delle autorità locali e scolastiche, abbiamo avuto l’onore di avere la Principessa Elena d’Assia, nipote di Mafalda di Savoia. Ma perché è stata scelta proprio questa principessa? Tutto è iniziato cinque anni fa quando abbiamo chiesto che alla nostra scuola fosse dato un nome. Abbiamo chiesto che fosse una donna, che rappresentasse quello che per noi sono i bambini: creature da proteggere e di cui avere cura. Cura rivolta ai bambini ed all’ambiente in cui crescono, per educare cittadini consapevoli e responsabili che sappiano valorizzare ed essere grati di ciò che ricevono dalla vita. Abbiamo iniziato l’iter e tre anni fa, abbiamo saputo che uno dei nomi da noi proposti era stato scelto dagli amministratori locali. Venerdì ci siamo ritrovati a scuola per la cerimonia, allietata dalla voce dei nostri bambini che hanno cantato due canzoni alla presenza di numerosi convenuti. Dopo i saluti del sindaco, l’ex sindaco Mattiussi ha ricordato che quest’anno ricorrono i 50 anni della costruzione e apertura della scuola; l’insegnante Colautti, in vece del Dirigente Scolastico,  ha augurato a questi bambini “di continuare ad essere bambini che sanno guardare al passato facendone tesoro per poi diventare in futuro degli adulti liberi e consapevoli” e il segretario del Centro studi Oddone, che nasce per ricordare e celebrare il Principe Oddone Eugenio Maria di Savoia, ha letto una lettera inviata da  Vittorio Emanuele IV. Dopo un breve discorso da parte della storica reale che ha presentato Mafalda di Savoia, è arrivato il momento della scoperchiatura della targa, con componenti della Guardia d’Onore alle reali tombe del Pantheon di Udine e Gorizia ai lati della stessa, da parte della Principessa Elena d’Assia che ha consegnato il “Riconoscimento Mafalda di Savoia” a noi insegnanti “Per il loro impegno professionale ed educativo, sia nell’insegnamento che nel sociale, svolto con amore e passione”. Il nostro dono alla Principessa è stato un quadro fatto con i fiori del nostro giardino.

Per concludere la Principessa ha visitato l’interno della scuola chiedendoci come lavoriamo, apprezzando la nostra documentazione e osservando incuriosita i bachi da seta.

E con questa giornata a dir poco magica si chiude il percorso ricco di soddisfazioni iniziato l’anno scorso con la certificazione di “Scuola all’aperto”. Fino ad ora, unica in regione.